Archivi tag: soldi

Sara è la mia piccola bimba grande, quella che va verso i nove anni.
Capita sempre più spesso che mi chieda informazioni su cosa sognavo di fare da grande quando ero piccolo come lei.

La cosa pericolosa di avere dei figli è che ti mettono di fronte a quella operazione terrificante che sono i bilanci.
Mettere sulla bilancia i sogni di bambino, le aspettative che i tuoi genitori avevano per te, le strade che hai percorso, abbandonato o tenuto in caldo per tanto tempo, lasciando che il tempo e le mille attività della vita adulta le logorassero come una casa pericolante di fronte alle intemperie.

Ho ricominciato a studiare. Questa volta o mai più. Quest’anno è stata molto, molto dura affrontare l’esborso delle spese universitarie che da anni pago per tenere aperta questa strada.
Un po’ come i soldi che si buttano ogni anno per tenere in piedi il cantiere dell’ennesima infrastruttura pubblica.

Quando tanti nodi vengono al pettine della banca, aspetti il 27 del mese con l’ansia da macchina del tempo e vorresti poter consumare in fretta i giorni sperando di arrivare a quel “click” che riporta le tue finanze sulla linea di galleggiamento.
E’ stato un periodo convulso soprattutto a causa del trasloco, una miriade di piccole spese non previste o non considerate. Aggiungiamo a questo la contrazione di entrate dell’ultimo anno. E il bello è accorgersi che la situazione è in caduta libera proprio quando avevi di fronte un affare, inteso come qualcosa da comprare che inseguivi da tempo, in silenzio.

C’è di che essere preoccupati? No, non esageriamo, non va così male, c’è in giro chi realmente sta peggio, anche se il bilancio familiare si sta facendo sempre più difficoltoso e non è possibile pensare di affrontare nessuna spesa che sia non necessaria.
Quando poi ti ritrovi a dover considerare nell’arco di dieci giorni un paio di spese non previste e l’apertura del sito della banca inizia a provocare palpitazioni da discesa tipo Kitzbühel, posso dire che sono molto contento che oggi la temperatura esterna sia in netto rialzo.

Stamattina mi sono rovinato la giornata ancor prima che suonasse il telefono dell’ufficio per la prima volta.

Ieri notte mi è venuto in mente che l’ennesimo bollettino dell’università non si è fatto vedere, anzi a dire il vero neanche quello della prima rata.
Così sono andato al lavoro con in testa idee strane su cosa fosse successo, dopo il piccolo casino dell’anno scorso dove ho rischiato di vedermi annullare tutti gli esami.

Ho controllato sul sito dell’università e ho scoperto che in realtà qualcosa è cambiato (ma non si sono degnati, con tutti i soldi che gli ho dato fino ad oggi, di mandare una lettera o almeno una email per farmelo sapere): in pratica se non risultava il pagamento della prima rata (mai arrivata) il bollettino della seconda non sarebbe stato inviato.
Accedo alla sezione che permette di controllare i pagamenti effettuati e quelli in scadenza (scopro che si possono fare anche online !!) e scopro quale cifra vogliono quest’anno, immagino (visto che non lo scrivono) comprensiva di mora.

Insomma anche quest’anno questo peso che mi porto sulla coscienza presenta il suo conto.

Non passatemi vicino.