Modalità provvisoria su Windows 10

provvisoria03_0314

In ufficio sto testando Windows 10 sulla mia macchina per capire rapidamente quali problematiche risolvere.
Ho avuto necessità di entrare in modalità provvisoria e come su Windows 8 la cosa è complicata dal fatto che per ottimizzare la velocità di avvio, il tempo di attesa del sistema è praticamente nullo.

La cosa da fare è aprire cmd.exe, il prompt dei comandi di Windows, come amministratore e eseguire questo comando:

bcdedit /set {default} bootmenupolicy legacy

Potete controllare l’avvenuto cambiamento con il comando (da lanciare prima e dopo):

bcdedit /enum /v

In questo modo avrete qualche istante in più per premere a ripetizione il tasto F8 e accedere così al menù di scelta delle diverse modalità di avvio, compresa la modalità provvisoria.

Applicazioni dedicate al mondo dell’insegnamento e della scuola

Interessante nuova serie di video sul canale Google Developers, dedicato al mondo dell’insegnamento.

Google offre la propria suite di applicazioni in forma gratuita alle scuole, Google Classroom, ma non si limita a dare visibilità alle proprie soluzioni, ma anche a quelle che vengono sviluppate intorno al proprio ecosistema.

Nella prima puntata vengono segnalate una serie di applicazioni per la gestione degli assegnamenti di prove, quiz, questionari e successivo controllo e reportistica dei risultati degli studenti.

Mi è sembrata molto interessante l’ultima delle tre, Verso, che stimola la discussione tra studenti in forma anonima, in modo da premiare il contributo dello studente senza premiare simpatie o appartenenze di gruppo.

Sono tutte e tre disponibili per Android, iOS e Chrome.

Socrative

ExitTicket

Verso

Ho perso l’attenzione. Non ti preoccupare, la ritroviamo.

books-like-wallsA volte il nostro cervello cerca di dirci qualcosa, forse lo fa più spesso di quello che ci rendiamo conto ma quando riusciamo ad esserne coscienti è importante riuscire a cogliere queste informazioni e fermarsi a riflettere.
Leggi tutto “Ho perso l’attenzione. Non ti preoccupare, la ritroviamo.”

Ditino is back

Vettel vince al suo secondo gran premio con la Ferrari.

La cosa più bella è stato vedere un pilota che ha vinto con questo 40 gp e ben 4 titoli mondiali, essere felice come se fosse la sua prima vittoria.
Indubbiamente questo atteggiamento non farà che vincere le resistenze dei ferraristi che l’hanno “odiato” fino all’anno scorso.
Diversamente da Shumacher, Vettel non conquista i tifosi solo con i risultati ma anche con un sincero amore per questa squadra.

Installare Node.js su Yosemite senza diventare idiota

nodejs npm
Node.js e NPM
Se hai provato come me ad installare Node.JS su Yosemite, ti potresti essere imbattuto in un errore senza apparente senso.

Dopo aver installato il pacchetto di Node.js dal sito, avrai aperto la finestra del terminale e avrai subito provato ad installare express o qualcos’altro tramite npm.

Cercando di lanciare Node il risultato sarò stato:

-bash: node: command not found

Dopo aver aggrottato le sopracciglia avrai fatto subito un altro tentativo e controllato se come diceva alla fine dell’installazione, se /usr/local/bin era nel tuo $PATH. Verificata questa cosa, oltre alle sopracciglia a questo punto anche le tue labbra si sono strette in una smorfia del tipo “eeh? e quindi?”.

E quindi la soluzione a questo stupido errore di permessi è questa:

sudo chown -R $USER /usr/local

Da quello che ho letto il problema c’era anche su Mavericks (che io ho bellamente saltato).