Oggi pomeriggio sono andato al mare con Sofia. Non che ne avessi voglia, quando è garbino da queste parti ti girano senza motivo, ma quando hai dei figli sarebbe un delitto non portarli al mare soprattutto se abiti a un chilometro dalla spiaggia.

Quando sono tornato avevo la mente un po’ più sgombra di prima, e aprendo il portatile ora sequestrato da mia moglie ho pensato “toh, qui ho installato Chrome, il punto centrale del nuovo Google OS”. E mi sono reso conto che Google non ha ancora rilasciato la versione linux di Chrome, che i netbook attualmente sono pochi rispetto alla quantità di portatili che si vendono (e la cosa qui mi ha fatto pensare), che ancora la filosofia “faccio tutto online” è riservata ad una cerchia ristretta di utenti (pur se in aumento, man mano che gli strumenti aumentano). In breve, tutta questa fatica, per chi e per quanti?

In fondo poi si tratta di una ulteriore versione di Linux e allora tanto valeva investire per creare una distribuzione come fa Shuttleworth con Ubuntu e spingere Linux verso il grande pubblico. Oppure dire “Android gira su qualsiasi computer”. Dovremo aspettare ancora un po’ per avere altri dettagli. Ci penso, metto nelle mie supposizioni le persone che conosco: alcuni non vedrebbero bene tutto questo (non funziona Office, Photoshop, eMule..); altri che di computer non capiscono granché, sarebbero ben felici di questo passaggio del computer da strumento poco comprensibile a una sua versione simile ad un cellulare. Ad alcuni basta che si possa aprire Facebook oppure il sito della Gazzetta dello Sport.

Sembra in definitiva che le scelte di Google siano orientate alla demolizione dell’avversario: Google Docs vs Office, Gmail vs Exchange, Android vs Windows Mobile, e ora Google Os vs Windows. Tra poco infatti Microsoft presenterà Windows 7 e quindi questo annuncio sembra datato apposta per provocare un attacco di cuore al povero Ballmer, pronto a ballare nuovamente e a dirci quanto è bello 7, così come era bello Vista. (sia ben inteso, ho provato Win7, un miglioramento da Vista, ma dopo anni non ci siamo spostati troppo da XP).

Mah, comincio a non capire Google. Sicuramente mi sbaglierò, ma forse tutte quelle caramelle gratis, stanno iniziando a dare problemi a chi prende decisioni a Mountain View. Troppi zuccheri.

Un pensiero su “Le due G: garbino e Google Chrome OS

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>