La vicenda di Eluana Englaro dovrebbe farci riflettere su cosa significano oggi democrazia e libertà individuale.
Gli ultimi giorni sono al di fuori di ogni immaginazione: un decreto d’urgenza, il rifiuto del Presidente Napolitano, il decreto tramutato in disegno di legge, ispettori, tuoni e fulmini dal Vaticano che ormai è a pieno titolo un partito che ha più spazio in tv del PD, alla faccia della par condicio.

L’ultimo post di Mantellini ci ricorda inoltre una frase pronunciata ieri “Eluana Englaro è viva, potrebbe anche procreare”.
Berlusconi ieri ha detto che in consiglio dei ministri c’è stata una discussione di alto livello, quando si era deciso per il decreto d’urgenza. Posso immaginarmela.

Il padre di Eluana Englaro potrebbe prenderla e portarla in Svizzera, e compiere quello che in Italia non è possibile perché chi governa una religione, e anche parte di questo paese, ha deciso che qui non si può dare termine ad una vita che vita non è più.

Un pensiero su “Il decreto che vien dal Vaticano

  1. La vedo esattamente come te e penso che scrivere

    tuoni e fulmini dal Vaticano che ormai è a pieno titolo un partito che ha più spazio in tv del PD

    delinei bene la situazione (e mi fa sempre più desiderare di andarmene via). Credo anche che il padre di Eluana sia immensamente coraggioso e spero che riesca nell'intento di creare un precedente in un Paese che di civile ha ben poco.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>