Il freddo e la politica, il freddo della politica, la politica fredda, mmmh

UPDATE: è passato l’emendamento al decreto che non richiede alle forze politiche che presentano due parlamentari uscenti di raccogliere le firme. La discriminante che era stata posta (e che riguardava solo Sinistra Critica) è stata eliminata, grazie anche al voto di Rifondazione. La notizia arriva mentre eravamo già vicini alla metà delle firme necessarie in soli quattro giorni di banchetti (al freddo e al gelo).

Questo fine settimana ci sarà la seconda edizione del Barcamp torinese, edizione a cui avrei voluto assistere anche quest’anno se non fosse che un impegno importante mi terrà a casa, o meglio, al freddo. Dovrei esserci anch’io, imbarcato sulla Fullomobile.

In questi giorni sono in giro per raccogliere ed autenticare le firme per presentare le liste di Sinistra Critica alle elezioni: non so se lo sapete ma giusto perché la politica rimanga sempre più lontana dai cittadini, a Roma hanno pensato bene di evitarsi di dover andare a raccogliere firme per presentare le liste facendo un decreto che sancisce che ogni lista che può contare due parlamentari uscenti sostenitori della lista non dovrà raccoglierle.
Le firme per presentarsi alle elezioni necessitano di persone che le raccolgano in tutte le regioni, in un numero che con i tempi stretti di queste elezioni sono abbastanza difficili da raggiungere: senza contare il fatto che bisogna confrontarsi con le persone, chiedere la loro firma in un clima politico ormai logoro, e prendersi anche gli insulti.

Di fronte alla proposta di Amato, il caro ex-compagno e ministro uscente Ferrero ha proposto che i due parlamentari fossero della stessa camera. In pratica escludendo unicamente Sinistra Critica, che conta un parlamentare alla Camera e uno al Senato.

Per la cronaca Ferrara si è preso tre parlamentari di Forza Italia, altri hanno agito allo stesso modo, potendo così presentarsi su tutto il territorio nazionale senza aver raccolto una firma, o nessuno iscritto a qualcosa. Altro che lotta ai partitini.
Abbiamo in ogni caso fatto ricorso al Tar per incostituzionalità ma intanto si va avanti. Al freddo.

Provate a chiedere le firme oggi e vi troverete i più anziani (diversamente da quello che si può pensare) che ancora hanno un minimo di senso civico, i più giovani che se non sono di destra (ma di destra così, dicono, alzando il braccio) ti dicono che non gliene frega niente. I signori che oggi dichiarano tranquillamente “io voto per la destra”, una cosa che quindici anni fà nessuno avrebbe avuto il coraggio di dire.
Poi quelli delusi da tutti, e sono tanti, che ti dicono che non si risolve niente, e che non andrà a votare.

One comment on “Il freddo e la politica, il freddo della politica, la politica fredda, mmmh

  1. Peppo InternetNo Gravatar febbraio 23, 2008 1:43 pm

    Purtroppo bisogna sempre scegliere tra il peggio ed il leggermente meno peggio come dice il Beppo Grillo

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>