In rainbowsFinalmente il 10 ottobre uscirà il settimo album dei Radiohead.

Si tratta però di una uscita discografica molto particolare: il disco, intitolato “In rainbows”, sarà in vendita solo sul loro sito, e sarà disponibile dal 10 ottobre per il download, mentre in dicembre sarà possibile ricevere direttamente a casa un cofanetto con un doppio cd con altri brani, versione in vinile, booklet.
Il sistema di vendita pare permetta all’acquirente di scegliere quale sia il prezzo che vuole pagare.
Una bella svolta dopo mesi di supposizioni su quale etichetta discografica avrebbe pubblicato il nuovo album: una svolta che segna ancora di più il distacco di questo gruppo dal mondo del business discografico.

I brani sono da tempo conosciuti, visto che diversi sono stati suonati in giro per l’Europa in alcuni concerti di “test”, ma immagino che la versione finale sarà ben diversa.

Adesso vado a fare il pre-ordine.

33 pensieri su “Radiohead in rainbows

  1. ho ordinato il disc box e oggi ho scaricato il cd.. che dire.. spettacolare come al solito.. Tom Yorke e soci ormai ci hanno abituati a viaggi onirici degni di nota e questo album atipico ne è l’ennesima prova..

  2. Il disco suona veramente bene. Stile dub-acustico molto incisivo. Sono deliziato. I radiohead restano i più grandi.
    Saluti da un fan della prima ora.

  3. Appena scaricato.

    ho offerto 5 sterline..

    mmm…magari barbara dirà che sono un barbone…

    però è tutto quello che avevo sulla mia postepay.

    Mi piace…
    ottimo
    ciao

  4. preso il disc box!
    il disco è splendido, avevo proprio voglia di radiohead…
    leggendo qua e là per la rete, continuo a incontrare commenti o recensioni negative di Hail to the Thief..pazzesco. chi è ancora nostalgico di Ok computer nn capisce e nn sa ammirare la grandezza di questa band, e la loro più incredibile qualità: essere innovatori.
    grandi!

  5. Ecco…. sta cominciando ad entrare..e chi se lo toglie di dosso dopo ahahahahah ( per fortuna),,, al 4° ascolto sto cominciando ad entrarci dentro :) è stupendo!

  6. non riesco a levare il cd dal lettore….è magnifico, e l idea di metterlo in rete propio dagli interessati gli fa onore….grandi mi hanno sempre stupito disco dopo disco….ora questa bella novità…cosaltro ci si può aspettare da un gruppo cosi perfettamente anticonformista anarchico e bravissimo?….io gli darei il nobel:-)

  7. immensi in tutto….innovativi da ok computer in poi, innovativi con questa incredibile trovata ( in culo alle major )…senza dubbio la miglior rock band del mondo….un fan della primissima ora…un saluto a tutti gli amanti di questo straordinario gruppo che non smette mai di stupire…ora mi stendo e viaggio un po con loro, erano 4 anni che li aspettavo….

  8. 10 € non solo sono troppi, sono immensamente tanti.
    IL gruppo comincia a guadagnare bene già a partire da 1 €. Con 2 € guadagnano già cinque volte rispetto a quando guadagnerebbero con una casa discografica alle spalle.
    Barbara: hai regalato un bel po’ di soldi in più a chi non ne ha proprio bisogno.

  9. Dopo averlo ascoltato tre, quattro volte ritengo che sia un buon disco ma non eccezionale.
    Non so se si possa parlare di evoluzione ma ho notato una grande mancanza di personalismi insieme ad un diverso approccio agli arrangiamenti.

    Mi manca un po’ la chitarra di Jonny Greenwood e la presenza forte del basso del fratello Colin: ora sembrano tutti scomparire e mischiarsi nello sfondo da dove risalta solo la voce di Thom Yorke.
    Non vedo l’ora di poter ascoltare anche la seconda parte del disco per dare un giudizio complessivo sul lavoro di questi ultimi due anni.
    Per ora il mio giudizio su “In rainbows” migliora ad ogni ascolto. Il tempo ci dirà il reale valore di questo disco, a dispetto di tutti i discorsi sul metodo di pubblicazione.

  10. 1.1 I think that Hail to the thief is much better than In Rainbows.

    1.2 Arpeggi without ride in the center-break part: awful.

    1.3 Tracklist doesn’t like me.

    1.4 Suggestions:
    — Open Pick at the beginning

    — 4 minute warning as track no.3 —> The Fake plastic trees of In Rainbow

    — Arpeggi (possibly with ride) at the end.

    Notes:

    — A wolf at the door is much better than Nude

    — All I need = Climbing up the walls

    — Other tracks = shit

    ps I paid 0.00… ;)

  11. pps

    — where’s guitar riff and the others piano chord on videotape: awful

    — the eraser is much better than In rainbows and the eraser is only an average (demo sound) album

    — lp7 is much better than In Rainbows

  12. Al primo ascolto mi sembra già uno dei migliori dischi mai pubblicato..dell’intero panorama musicale!L’ho scaricato gratis ma non tarderò ad acquistarlo..non mi importa se Thom e soci sono milionari..se lo meritano!

  13. A primo impatto ci sono delle canzoni che non riesco a smettere di ascoltare, quindi ottimo, ma si sa, dai radiohead c’era da aspettarsi solo che questo. Giudizio quindi molto positivo, anche se il ritornello della bella Reckoner mi sa molto di the hands that build america degli u2..per il resto, ottima Videotape, All i need, nude e House of cards

  14. ascolto In Rainbows da 20 giorni….mi piace ogni giorno di più….seguo i Radiohead dai tempi di Pablo Honey….forse è stupido far confronti con gli altri lavori, ma credo che a livello emotivo quest’ultimo sia secondo solo a Kid-A………

  15. Non si possono confrontare i Radiohead con nessun altro gruppo. Sono almeno 15 anni avanti a tutti. Sono da sempre i + grandi. E questo disco ne è la ennesima conferma.

  16. Ricordate che quando uscirono “Hail to the thief” e “Kid A” furono criticati anche allora. Ma i loro dischi vanno ascoltati e riascoltati. Ed ogni volta c’è qualcosa di nuovo, perchè cogli ad ogni ascolto nuovi particolari. Grandissimi.

  17. io sono dell’idea che il cd migliore dei radiohead sia amnesiac,e dopo kid-a.non c’è nessuno che mi appoggia???
    cmq in rainbow è fantastico ancora meglio di hail to the thief e di the eraser

  18. Anch’io penso che Amnesiac sia perfetto: ha tutto, è il più sofferto e il più vario.
    Quest’ultimo album è cesellato, con una produzione paurosa, ancor meglio di Hail…
    Non so cosa potrebbero fare di più!

  19. Allucinante come tutti quando comprano un cd sappiano già cosa trovarci dentro più o meno…Gli stili spesso vengono mantenuti dagli artisti.
    Ma i Radiohead no…ti capita il nuovo cd tra le mani e ti chiedi subito…”come sarà questo?”
    E allora lo ascolti…e riascolti fino a farlo uscire dalle orecchie.
    E il risultato?
    E’ sempre fantastico!!!!
    E’ inutile che la gente critichi i dischi successivi a “ok computer”…altro genere, altro sound…ma è proprio questo il bello, il continuo variare.
    Ho notato cmq che nessuno ha parlato di “the bends”…che a mio parere è stupendo, dove tralaltro c’è una “fake plastic trees” che ti immobilizza x essere ascoltata e riascoltata all’infinito.

    Io ho donato € 15 e non me ne frega niente se sono miliardari…credo che sia giusto premiare un buon lavoro!!!

  20. Un giorno mi prestarono una audiocassetta di the bends, senza nemmeno la custodia e i titoli delle canzoni… dopo 12 anni continuano ad essere la colonna sonora della mia vita. Magici. Cosa ascolterei senza i RH!?!?!

  21. Gran disco…non fate paragoni inutili.
    In Rainbows è un gran disco perchè sono i Radiohead e ognuno offra quello che vuole tanto i pezzi del puzzle stanno cadendo dappertutto…è arte non commercio, ma io ho pagato e li aspetto al concerto

  22. non so come definire questo disco e non so neppure se definirlo un disco…ascoltarlo una volta di piu’ e’ una esperienza magica in auto,a casa, e’ sempre diverso ti rapisce e ti porta dove vuole. Ad occhi chiusi e’ il massimo.

  23. Ho acquistato da poco in rainbows,sono andato a colpo sicuro,come accade spesso con i radiohead:non tradiscono mai.In questo disco scopro delle sensazioni nuove,le melodie a volte sono nascoste dietro cupi mantelli, pronte a trafiggere all’improvviso.Per finire in certi momenti ho come l’impressione di ascoltare i Pink Floyd nel loro periodo sperimentale.Lunga vita ai Radiohead.

  24. ciao cristian, sono rachele uff. stampa vans,
    mi piacerebbe inviarti un comunicato riguardante un tour musicale + contest skate organizzato da vans .

    Il party si chiama VANS MUSIC NIGHT è il 1° novembre farà ballare 5 delle principali città europee.
    Mi farebbe piacere inviarti tutto il materiale così che tu possa valutare se è il caso di inserirlo all’interno del tuo blog.

    ciao e grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>